23 Settembre 2019,

È vero che mangiamo plastica?

Mangiamo plastica, perchè le microplastiche si trovano in tutti gli alimenti. Scopri quali alimenti ne contengono di più e come diminuire il rischio.

Sapevi che tutti noi mangiamo plastica? Sì, purtroppo ne ingeriamo fino a 2000 minuscoli frammenti per settimana: corrispondono a circa 5 grammi, l'equivalente, in peso, di una carta di credito. Se facciamo una media, sono circa 250 grammi l'anno.

Un recente ed interessante studio, chiamato “No Plastic in Nature: Assessing Plastic Ingestion from Nature to People” condotto dall’Università Australiana di Newcastle commissionata dal WWF, che ha combinato, in maniera piuttosto approfondita i dati di altre 50 ricerche precedenti. 

Ma quale plastica mangiamo?

Per la maggior parte si parla di particelle sotto i 5 millimetri, le cosiddette microplastiche, e si possono trovare sia negli alimenti che nell’acqua che consumiamo. La microplastica è, purtroppo, presente nelle acque di tutto il mondo, si diffonde nelle acque in superficie fino a finire nelle falde acquifere.

La plastica abbandonata finisce nel mare, dove viene sminuzzata in pezzi piccolissimi e, infine, finisce nelle nostre tavole: pesci, crostacei, uccelli marini, queste piccole particelle sono state trovate ovunque.

Quali sono gli alimenti più a rischio?

Frutti di mare, birra e sale sono gli alimentari con i più alti livelli registrati. La ricerca è sconvolgente, ma più che mai utile, perché ci aiuterà a comprendere l'impatto dell'inquinamento da plastica sugli esseri umani. Non solo, come ha dichiarato il direttore internazionale di WWF, Marco Lambertini, saranno un campanello d'allarme per i governi, per spingerli ad attuare le giuste politiche future

"Se non vogliamo plastica nel corpo, - aggiunge Lambertini - dobbiamo fermare i milioni di tonnellate di plastica che continuano a diffondersi nella natura. È necessaria un'azione urgente a livello di governi, imprese e consumatori, e un trattato globale con obiettivi globale". L'inquinamento da plastica è una grave minaccia alla fauna, non solo attraverso l'ingestione di microplastica ma anche con la distruzione di habitat.

Come diminuire il rischio?

Eliminare le microplastiche dalla nostra tavola è difficile, si trovano in molti alimenti. Oltretutto, sono presenti anche nelle acque imbottigliate e negli acquedotti; ma in questo caso c’è la soluzione: le nuove tecnologie di microfiltrazione, a osmosi inversa, che si trovano sia negli impianti casalinghi che nelle moderne fontanelle (pubbliche o condominiali), sono in grado di bloccare particelle fino a 0,5 micron.

Bloccare, quindi, microparticelle più piccole di 0,0005 millimetri (ovvero 0,5 micron) vuol dire bloccare il 99,99% delle microplastiche in circolazione nella tua acqua. Vuoi sapere come funzionano questi impianti? Scopri di più qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla nostra newsletter o scegli i modi in cui vorresti ricevere notizie da Puntoacqua.

Iscriviti ora
Puntoacqua Italia srl Piazza Mercatale 102/103, 59100 Prato. P.IVA: 01234100525
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram